Ho seguito gli speech del Freelance Camp, ho preso appunti, li condivido con te, così puoi aggiornarti gratis in 60 secondi! Questa è la mia rielaborazione dell’intervento sul delegare. Se vuoi leggere le altre sintesi da 1 minuto dai corsi di aggiornamento che frequento, iscriviti alla newsletter alla fine di questo articolo ;). 


Sintesi dello speech su come prevenire il burnout

Questa è la mia sintesi dell’intervento di Emanuele Tamponi, che è un esperto SEO (ottimizzazione dei siti per Google), ma ha parlato del burnout, una condizione psicofisica in cui spesso i freelance vengono a trovarsi. Ecco il video:


Il burnout è quando arrivi a un “punto di fusione”.

Al burnout non ci si arriva solo se si lavora troppo o se si fa qualche ora in più di lavoro o se si è medici, ma anche quando si fa un lavoro che non piace, che è fonte di frustrazione, che non è più vissuto come un modo di esprimere se stessi, ma solo come un male necessario per portare a casa lo stipendio.

Ci sono alcuni segnali da tenere d’occhio per prevenire il burnout:

1. La relazione con il lavoro. Quando il lavoro occupa tutto il tempo libero, si prende più lavoro di quello che si può gestire, quando il lavoro invade le tutte le conversazioni, si prende tutto, lascia poco spazio agli altri e ad altro è un segnale di allarme.

2. I segnali del corpo, che spesso vengono ignorati. E’ importante osservarsi il respiro, percepire la tensione muscolare, monitorare se il sonno scarso e la stanchezza è cronica e trascurata.

3. L’umore. Se non sei contento neanche un po’, hai sviluppato apatia e disinteresse, è un segnale di burnout.

Fermarsi non è una resa. Occorre dire di no, al perfezionismo come alla sciatteria, e rigenerarsi, ognuno a modo suo.

Il relatore di questo speech ha consigliato anche un libro, Il potere del riposo. L’autrice è una psicologa: puoi ascoltare una sua intervista qui.


 



The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Ho realizzato il 1° Kit di Preparazione per l'Esame di Stato, con cui ho aiutato ormai 10 generazioni di psicologi ad abilitarsi. Se serve aiuto, scrivimi a tutor@110elode.net