In ogni scaletta di progetto c’è sempre un paragrafo teorico e un paragrafo pratico/metodologico.  

Come scrivere il paragrafo teorico? Leggi qui e qui.

Come scrivere il paragrafo metodologico? 

Nella prova di Progetto dell’Esame di Stato di Psicologia, il paragrafo pratico e metodologico può essere chiamato in vari modi: metodologia, cornice metodologica, procedura, metodi, attività e strumenti, ecc. Ogni commissione può utilizzare i termini che preferisce.

Si tratta comunque sempre del paragrafo pratico, quello in cui scrivi cosa farai concretamente come psicologo. In questo paragrafo elenchi e descrivi le attività previste, quelle che ti consentono di raggiungere gli obiettivi specifici, che avrai precedentemente specificato, sempre all’interno del tuo progetto.

Per ogni attività, occorre specificare chi la fa, in che consiste, quanto dura, che strumenti richiede. Tutte le attività devono essere coerenti tra loro.

E da questo scaturisce l’importanza del paragrafo della metodologia. Proprio per garantire coerenza alle attività previste, esse vengono inscritte entro una comune cornice pratica, che è appunto la metodologia.

Quindi il paragrafo della metodologia è quello in cui descrivi una metodologia specifica (ne esistono migliaia!) e poi, al suo interno, elenchi e descrivi le attività associate a quella metodologia, che sono coerenti tra loro, proprio perché tutte si collocano sotto lo stesso “ombrello”, che le connette e rende scientificamente fondato e coerente tutto il progetto.

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Ho realizzato il 1° Kit di Preparazione per l'Esame di Stato, con cui ho aiutato ormai 10 generazioni di psicologi ad abilitarsi. Se serve aiuto, scrivimi a tutor@110elode.net