Seleziona una pagina

Oggi con uno studente che si sta preparando per l’Esame di Stato di Psicologia discutevamo dei criteri di correzione dei commissari d’esame


Purtroppo, i criteri di correzione non sono uniformi.Ma soprattutto, nel 99% dei casi, non sono resi espliciti prima di ciascuna prova.

Questo li rende altamente discrezionali.

I criteri di valutazione cambiano da commissione a commissione, da commissario a commissario.

Anzi, possono cambiare anche per lo stesso commissario: un compito corretto per primo, con un’attenzione elevata, potrebbe essere valutato più severamente. Invece, un compito corretto per ultimo, quando il commissario è stanco e inevitabilmente la sua attenzione  non sarà massima, potrebbe essere corretto più distrattamente.

La valutazione, infatti, potrebbe risentire persino dell’ordine in cui vengono corretti i compiti, perché i commissari sono esseri umani.

Quindi, la loro attenzione funziona, di base, come quella degli altri esseri umani. Non è costante ed è influenzata da molte variabili, come insegnano tutte le teorie di psicologia generale.

Questo rende incerto l’esito dell’esame, a prescindere dalla preparazione.

Che amarezza per chi studia, sapere che in alcuni casi la valutazione potrebbe essere arbitraria, non essendo sempre ufficializzati i criteri, anzi essendo molto soggettivi!

Leggi anche questo post, per saperne di più sui commissari dell’Esame di Stato di Psicologia

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Ho realizzato il 1° Kit di Preparazione per l'Esame di Stato, con cui ho aiutato ormai 10 generazioni di psicologi ad abilitarsi. Se serve aiuto, scrivimi a tutor@110elode.net