Seleziona una pagina

Questi sono i 5 errori più frequenti che correggo quando gli studenti mi chiedono una revisione della tesi di laurea


1) Correzione dei refusi

I refusi sono gli errori di battitura. Chi scrive la tesi, spesso la rielabora più volte. Quindi, ha l’occhio assuefatto e  non vede più alcuni errori di battitura, di cui si accorge un lettore esterno, ad esempio un consulente incaricato di correggere la tesi. Qualche errore sfuggirà anche a lui, ma non fa niente, porta fortuna :).

2) Correzione degli errori di stile: no al plurale majestatis

Un errore frequente riguarda, piuttosto, lo stile con cui viene scritta la tesi di laurea. Spessissimo, gli studenti utilizzano il plurale majestatis, cioè si esprimono con il “noi”: possiamo definire…definiamo…vediamo che…Chi sta parlando? Un gruppo?

Si tratta di un errore diffuso, ormai anche tollerato dai prof, ma assolutamente improprio per una tesi di laurea, che è una trattazione scientifica. Quindi, utilizza il “si” impersonale: si può dire, si può definire, si definisce, ecc.

3) Correzione della grammatica e della sintassi: le incidentali

Un esempio di imprecisione che trovo frequentemente è la mancanza delle incidentali. Si tratta di alcune parole che andrebbero contenute tra virgole, come in un abbraccio. Confronta queste due frasi:

1) Il cielo quindi è blu.
2) Il cielo, quindi, è blu.

1) Le cellule infatti hanno una membrana.
2) Le cellule, infatti, hanno una membrana.

“Quindi”, va contenuto in un abbraccio, cioè va tra due virgole, perché è una “incidentale”, cioè una sorta di innesto, che si inserisce dentro una frase, ma se non ci fosse, quella frase sarebbe comunque di senso compiuto. Lo stesso succede per infatti, per questo, ecc.

La precisazione delle incidentali sembra una raffinatezza stilistica (molti prof non ci fanno neanche caso!), ma dona ritmo alle frasi, oltre che correttezza grammaticale e sintattica. D’altronde, se un consulente viene incaricato di fare una correzione e revisione tesi di laurea, è giusto che abbia anche queste accortezze.

4) La corsivizzazione dei termini stranieri

Un’altra operazione che si fa durante la correzione e revisione tesi di laurea riguarda la formattazione dei termini stranieri, che devono andare in corsivo. Spesso, nelle tesi si riportano, infatti, alcuni termini inglese o in latino. 

5) La formattazione della bibliografia

Questa è la parte di revisione tesi di laurea che richiede più attenzione. I prof sono ossessivi sulla bibliografia. Danno più importanza alla bibliografia che al contenuto della tesi! Controllano ossessivamente i punti e le virgole.

Se la tua tesi di laurea è in Psicologia, la bibliografia, generalmente, deve essere formattata secondo le norme APA. Oppure, secondo le norme che stabilisce il tuo relatore (alcuni non seguono le norme APA).


Queste operazioni di revisione riguardano lo stile. Non sono le uniche, ma forse quelle che incontro più frequentemente. Poi ce ne sono altre. oltre alla revisione dei contenuti. Ogni tesi richiede operazioni specifiche. Per questo, anche il prezzo della correzione e revisione tesi può cambiare.

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Ho realizzato il 1° Kit di Preparazione per l'Esame di Stato, con cui ho aiutato ormai 10 generazioni di psicologi ad abilitarsi. Se serve aiuto, scrivimi a tutor@110elode.net