Non dirò mai che l’esame di Stato di Psicologia è “facile”. Non mi azzarderei mai a utilizzare questo termine in riferimento all’Esame di Stato di Psicologia, perché non è facile per nessuno:

– non è facile per gli studenti, perché è complesso, perché anche se girano mille riassunti, mille manuali, mille corsi anche gratuiti, mai tutti i contenuti del mondo non bastano a superarlo. Anzi, la disponibilità di materiali, corsi e riassunti non rende più facile l’Esame di Stato di Psicologia, ma espone al rischio di confusione e ossessività nella preparazione;

– non è facile per i commissari, che hanno grandi responsabilità nel valutare i compiti d’esame, in un contesto difficile come l’università italiana, dove si impegnano a garantire standard elevatissimi, anche quando non ci sono fondi per la ricerca;

– non è facile per chi vuole aiutare gli studenti, perché non ci sono formule prestabilite da applicare, né certezze da tramettere, ma questo offre l’occasione di sviluppare grande flessibilità, che poi aiuterà nella professione.

Ecco, credo che l’Esame di Stato di Psicologia sia molto diverso da un esame universitario e che la sua preparazione debba aiutare soprattutto per la professione e non debba essere nozionistica, ma strategica, basata sul ragionamento e non sull’assimilazione meccanica di teorie. Per questo ho realizzato il 1° Kit di Preparazione all’Esame di Stato di Psicologia, riversando quasi 20 anni di esperienza in ambito didattico.

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Ho realizzato il 1° Kit di Preparazione per l'Esame di Stato, con cui ho aiutato ormai 10 generazioni di psicologi ad abilitarsi. Se serve aiuto, scrivimi a tutor@110elode.net