Una delle pericolose generalizzazioni sull’Esame di Stato di Psicologia riguarda i tempi tra una prova e l’altra. Spesso, nei forum, gli studenti considerano le tempistiche delle ultime 2/3 sessioni in una sede e li generalizzano, come fossero regole fisse.

Ad esempio all’Esame di Stato di Psioclogia a Roma, si generalizza dicendo che “la seconda prova è il giorno successivo alla prima”. Non è detto che debba sempre essere così.  Sarebbe più corretto dire che “nelle ultime 6 sessioni, quasi tutte le commission di Roma hanno fissato la seconda prova il giorno dopo la prima”. Questo perché non è una regola fissa: ogni commissione fa come vuole e fissa le date quando vuole, a parte quella della prima prova, fissata dal ministero e uguale per tutti ovunque.

Non è detto che la nuova commissione di Giugno debba per forza allinearsi alle altre, quindi non è mai sicuro al 100% che la seconda sia a ridosso della prima. Non ci sono mai regole fisse. E’ probabile che si adeguino, per inerzia, come è probabile che no. Nessuno può prevederlo.

Tra l’altro, non tutte le commissioni degli ultimi 3 anni dell’Eds di Roma hanno fatto così: una commissione, ad una sessione ha fatto così, a un’altra sessione no. Quindi anche la stessa commissione può cambiare tempistiche da una sessione all’altra.

Nel dubbio, poiché nessuno può sapere in anticipo la data della seconda prova, meglio preparare prima e seconda prva insieme. I tempi necessari dipendono…dai modi di studiare.

Con lo studio nozionistico non bastano dieci anni. Con lo studio strategico dipende dalla preparazione di base e dalla flessibilità nel saper riadattare contenuti e scalette alle richieste specifiche della specifica commissione in quel momento e in quella sede.

Leggi anche questo articolo u come preparare l’Esame di Stato di Psicologia in 3 mesi.

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Aiuto i laureati in Psicologia a preparare l'Esame di Stato. Scrivimi a tutor@110elode.net

Ultimi post di 110elode (vedi tutti)