Come scrivere il tema?

Attenzione! Non esiste una scaletta fissa per il tema, occorre ricavarla di volta in volta. Esistono varie scalette, utili per strutturare in modo logico il materiale, studiarlo, spesso utile anche per esporlo…ma occorre sempre attenersi alla traccia e ai punti che chiede di sviluppare. Soprattutto, occorre evitare l’errore frequente in chi studia da materiali raffazzonati da internet, copiati e  smerciati tra i gruppi, l’errore che spesso costa la bocciatura, che è questo qui.

Ri-studiare argomenti già usciti?

Il fatto che un argomento sia uscito a Giugno, non vuol dire che non esca di nuovo a Novembre. Spesso viene reinserito nella terna di temi da cui sarà estratta la traccia da svolgere. Non è prudente, anzi è rischioso, evitare di studiare argomenti solo perché sono usciti nelle sessioni precedenti.

Chattata gratuita Eds 2013

Stasera alle 18:30 chattata gratuita su come affrontare le prove. Per prenotarti: tutor@110elode.net

http://www.facebook.com/events/530385007039383/

Quante teorie memorizzare?

Non serve memorizzare 5000 teorie su ogni costrutto, magari raffazzonandole qua e là da internet, lirbi o riassunti di fortuna. Ne bastano poche, selezionate tra quelle più versatili e che consentono di coprire più tracce, strutturate in modo completo e ordinato. Negli anni, ne ho individuate 75, appartenenti a diversi settori che possono uscire (psico dello sviluppo, sociale, generale, ecc) e che, adattate flessibilmente, consentono di coprirsi anche le tracce più assurde e impreviste. Per affrontare la prima prova dell’Eds, non è opportuno, infatti, caricarsi di troppi contenuti eterogenei e spezzettati, ma soprattutto sviluppare la flessibilità che consente di adattare una rosa di teorie jolly alle richieste della traccia. Lo so, non è facile.

Argomenti Eds: sono prevedibili in base ai commissari?

Quando escono le commissioni dell’Eds, parte il toto-tema: si cerca di prevedere l’argomento del tema in base alle materie dei commissari, in particolare del presidente,  ai loro interessi, alle loro ricerche in corso, ai testi pubblicati, al loro segno zodiacale, al colore dei capelli, al gruppo sanguigno…

Mi sono arrivate talmente tante richieste di ragguagli sui commissari romani che alla fine ho fatto un’indagine simil-poliziesca e scritto due post appositi, questo e questo, pur rassicurando che ipotizzare il tema basandosi sulle materie dei commissari sarebbe stato fuorviante.

Infatti, è uscita l’intelligenza: nessun commissario di nessuna commissione romana si dedica esplicitamente a questo argomento di ricerca. Inutile prevedere, è un inutile sbattimento. Certo, tante volte c’è collegamento tra traccia e insegnamento diqualche commissario, ma altrettante volte non c’è. Le volte in cui c’è corrispondenza sono simili a quelle in cui non c’è e non giustificano il lavoro certosino da 007 sui commissari, con rilevamento di tracce, sopralluoghi e sofisticate operazioni di criminal-profiling.

Tutto ciò distoglie da un approccio metacognitivo allo studio e riporta indietro a un apprendimento contenutistico che spesso è deleterio per questo esame. Ecco alcuni degli errori più frequenti che complicano la preparazione dell’esame di stato di psicologia.

Sedi Esame di Stato “facili”?

Da circa due anni è in corso una migrazione di massa verso le sedi di L’Aquila e Chieti, considerate “facili”, con tracce semplici e pochi bocciati..  Sono usciti da poco i risultati della prima prova a L’Aquila: 25% di bocciati, cioè 1 candidato su 4. Alla faccia dei “pochi bocciati”!

Purtoppo è inutile dannoso generalizzare, tanto tutto dipende dalle commissioni, che cambiano ogni anno. Anzi, dai singoli commissari, perché inevitabilmente la correzione delle tracce resta più o meno soggettiva e discrezionale, anche quando i commissari concordano criteri condivisi di correzione. In fondo la stessa psicologia ci dimostra che tutto è soggettivo, che il comportamento non è prevedibile e che i pregiudizi sono distorsioni della percezione e del pensiero. Non è consigliabile scegliere la sede d’esame in base a pregiudizi e leggende metropolitane sulle sedi presunte facili o difficili. Leggi anche qui.

Commissione esame di stato psicologia Roma 2013 – (H-Z)

Prof. Francesca Bellagamba – Professore Associato della Sapienza di tecniche di osservazione del comportamento infantile, ricercatore nell’ambito dello sviluppo linguistico

Enrico Di Pace: prof associato della Sapienza di Psicologia degli stati di coscienza, Psicologia dei processi multimodali, si è occupato in passato di percezione, attenzione e processi di elaborazione nel riconoscimento delle parole scritte. Interessi di ricerca: Percezione, attenzione, coscienza, Filosofia della mente.

Teresa di Bonito: professionista preso dall’Albo (vedi qui cosa significa). Si è occupata di psicologia scolastica.

Lorella Bruni: professionista preso dall’Albo (vedi qui cosa significa). si occupa di Psicoterapia individuale e di coppia, Psicoterapia infantile, Training autogeno e tecniche rilassamento, Psicodiagnostica e counseling, Orientamento nel mondo del lavoro, onsulente tecnico del Tribunale Civile e Penale di Roma.

Nadia Battisti: Professore a contratto presso La Sapienza. Ha insegnato l Laboratorio di Statistica per l’Analisi del Testo. Dal 2004 ad oggi ha scritto diversi articoli e capitoli di libri sull’intervento psicologico e l’analisi del testo, è esperta di Metodologia di ricerca ed elaborazione di dati qualitativi e quali-quantitivi.

Commissione esame di stato psicologia Roma 2013 – (A-G)

Giovanni Lombardo: docente della Sapienza e del Dottorato di ricerca in Psicologia cognitiva, di Psicofisiologia, Personalità, Storia della Psicologia, Psicologia generale

Maria Casagrande: docente della Sapienza, si occupa di psicofisiologia e neuropsicologia del sonno e della vigilanza, attenzione, coscienza, psicologia della salute

Giacinto Froggio: membro esterno, Docente presso Università Salesiana Istituto Progetto Uomo, ricercatore  nel campo del disagio e della devianza giovanile. Ha acritto anche libri sui dist del comportamento alimentare e sul trattamento dell’alcolismo.

Angela Guarino: docente a contratto della Sapienza, si occupa di stili di vita e comportamenti a rischio nell’adolescenza; interventi di promozione della salute nella scuola; stress genitoriale; psiconcologia generale e dell’età evolutiva

Sara del Lungo: professionista preso dall’Albo (vedi qui cosa significa) e Consigliere presso Ordine Psicologi del Lazio, si occupa di risorse umane.