Esame di Stato Psicologia e Relazione di Tirocinio

Per la relazione di tirocinio, ogni commissione e ogni università si regola come vuole, può chiederla o può non chiederla, quindi occorre verificare nel regolamento dell’università presso cui farai l’esame di Stato. Il regolamento di ogni università può cambiare da una sessione all’altra, quindi occorre controllare sul sito ufficiale dell’università, così da avere  le info più aggiornate .

Negli ultimi anni, quasi nessuna commissione chiede più la relazione di tirocinio, quei pochi commissari che la chiedono, spesso neanche la leggono. Ma non si sa mai, magari la tua commissione, nella tua sessione, può decidere di richiederla, anche il giorno stesso e senza preavviso, magari anche di leggerla, non si può mai sapere.

Per prudenza, meglio averla svolta, possibilmente anche firmata dal tutor di tirocinio, e portarla con sé il giorno dell’orale, per qualunque evenienza. Se non la chiedono, bene, se la chiedono, non ti trovi sprovvisto.

Non serve scrivere una relazione lunghissima e complicatissima. Scrvimi a tutor@110elode.net e ti allego uno schema che puoi seguire.

Posted in Quarta prova: Orale | Leave a comment

Date delle prove Esame di Stato Psicologia 2015

Sono uscite le date! Sessione di Giugno 2015: prima prova in tutta Italia il 17 giugno 2015. Seconda sessione: 18 novembre 2015.

Le date della seconda e terza prova dipendono dalle commissioni, quindi variano di città in città e saranno comunicate sul sito ufficiale dell’università presso cui darai l’Esame di Stato.

Quando vengono comunicate? Quando fa comodo alle commissioni: ciascuna università e commissione si organizza in tempi diversi, alcune sono più efficienti, altre più lente. Quindi stalkerizza il sito dell’uni dove farai l’eds ;) .

Attenzione allle generalizzazioni! Non ci sono tempistiche fisse in nessuna sede, non si può prevedere quanti giorni passino tra la prima e seconda prova, perché dipende sempre dalle commissioni, che ogni anno posso cambiare le date e mettere le prove più ravvicinate o più distanziate, in base a come fa comodo a loro. Non è detto quindi che le commissioni di giugno debbano attenersi alle tempistiche delle commissioni degli altri anni.

Posted in Preparazione Esame di Stato Psicologia | Tagged | Leave a comment

Studiare per l’Esame di Stato di Psicologia: come e quanto?

Molti studenti temono che la mole di lavoro per l’Esame di Stato di Psicologia sia elevatissima. In realtà, è minore rispetto ad esami che sono stati già affrontati nel corso di laurea di Psicologia.

La percezione di una mole di lavoro immensa, che richiede enorme sforzo di memorizzazione, è dovuta al fatto di considerare l’Esame di Stato di Psicologia come un esame universitario, altrettanto nozionistico.

Invece, va affrontato con un metodo completamente diverso. Altrimenti non soltanto la mole di lavoro sarebbe immensa, ma non basterebbe mai a superarlo. Anzi, memorizzare molti contenuti, è una delle più frequenti cause di una cattiva preparazione.

Più che preoccuparsi di quanto studiare, occorre preoccuparsi di come studiare.

E’ importante:

1) selezionare contenuti jolly

2) apprendere strategie per adattare flessibilmente i contenuti alle richieste delle tracce

3) apprendere schemi di svolgimento “ricicilabili”

Questi 3 passi non hanno nulla a che fare con il modo in cui si preparavano gli esami universitari. Attenzione quindi: se ti accorgi che stai sforzando troppo la memoria, è un segno che stai usando un metodo di studio non idoneo all’esame di stato di psicologia.

Posted in Preparazione Esame di Stato Psicologia | Tagged | Leave a comment

Com’è l’Esame di Stato a Roma, Milano, Firenze, ecc.?

Spesso quando si prepara l’Esame di Stato di Psicologia, ci si chiede: com’è l’Esame di Stato a Roma, Milano, Firenze, Bologna e così via, nelle varie città? Cosa chiedono in questa o quella città? Che prove ci sono in questa o quella sede?

E’ una domanda fuorviante. Per l’eds, ci sono indicazioni ministeriali, vincolanti in tutte le sedi, ma del tutto generiche, che lasciano ampio margine decisionale alle commissioni.
Non ci sono, quindi, caratteristiche specifiche e fisse per ogni sede.

Ogni anno si insediano nuove commissioni. Ogni nuova commissione fa come le pare, struttura le prove come vuole, adotta differenti criteri di valutazione.

Quindi ogni commissione è un discorso a sé, del tutto soggettivo e imprevedibile.
Sarebbe pericoloso generalizzare. Per questo è importante studiare con flessibilità, più che studiare tante cose.

Posted in Preparazione Esame di Stato Psicologia | Tagged | Leave a comment

Esame di Stato Psicologia: le tempistiche

Una delle pericolose generalizzazioni sull’Esame di Stato di Psicologia riguarda i tempi tra una prova e l’altra. Spesso, nei forum, gli studenti considerano le tempistiche delle ultime 2/3 sessioni in una sede e li generalizzano, come fossero regole fisse.

Ad esempio all’Esame di Stato di Psioclogia a Roma, si generalizza dicendo che “la seconda prova è il giorno successivo alla prima”. Non è detto che debba sempre essere così.  Sarebbe più corretto dire che “nelle ultime 6 sessioni, quasi tutte le commission di Roma hanno fissato la seconda prova il giorno dopo la prima”. Questo perché non è una regola fissa: ogni commissione fa come vuole e fissa le date quando vuole, a parte quella della prima prova, fissata dal ministero e uguale per tutti ovunque.

Non è detto che la nuova commissione di Giugno debba per forza allinearsi alle altre, quindi non è mai sicuro al 100% che la seconda sia a ridosso della prima. Non ci sono mai regole fisse. E’ probabile che si adeguino, per inerzia, come è probabile che no. Nessuno può prevederlo.

Tra l’altro, non tutte le commissioni degli ultimi 3 anni dell’Eds di Roma hanno fatto così: una commissione, ad una sessione ha fatto così, a un’altra sessione no. Quindi anche la stessa commissione può cambiare tempistiche da una sessione all’altra.

Nel dubbio, poiché nessuno può sapere in anticipo la data della seconda prova, meglio preparare prima e seconda prva insieme. I tempi necessari dipendono…dai modi di studiare.

Con lo studio nozionistico non bastano dieci anni. Con lo studio strategico dipende dalla preparazione di base e dalla flessibilità nel saper riadattare contenuti e scalette alle richieste specifiche della specifica commissione in quel momento e in quella sede.

Leggi anche questo articolo u come preparare l’Esame di Stato di Psicologia in 3 mesi.

Posted in Preparazione Eds, Preparazione Esame di Stato Psicologia | Leave a comment

Tema Esame di Stato Psicologia: teorie di quanti anni fa?

A volte le commissioni, al tema dell’Esame di Stato di Psicologia, chiedono teorie “recenti”.

Cosa significa teorie “recenti”? A volte, le commissione non specificano cronologicamente cosa intendano. A volte lo specificano, ad esempio richiedono teorie di xx anni fa, dove per “xx” si intende un intervallo temporale specifico che cambia da commissione a commissione.

In sintesi, ogni commissione intende a modo suo l’espressione “teorie recenti”. Non si può dire, in base all’anno in cui una teoria è stata formulata, se è “recente” o meno, perché ciò che è recente per una commissione, non lo è per un’altra. Come al solito, non ci sono regole fisse all’Esame di Stato di Psicologia.

Ad ogni sessione cambiano le commissioni. Ogni commissione fa come vuole, chiede quello che vuole, corregge secondo i criteri che vuole. Non si può dire quindi che vadano bene teorie di x anni fa, piuttosto che teorie di y anni fa: dipende da quello che chiede una specifica commissione in una specifica sessione di Esame di Stato di Psicologia.

Se una commissione ha chiesto una volta teorie di 5/10/15/30/50/xx anni fa, non è detto che lo chieda un’altra commissione in un’altra sessione. Non si può prevedere quello che ciascuna commissione chiederà, come si comporterà e come valuterà.

Quindi, quali teorie studiare? Come valutare se una teoria è recente o meno, in assenza di precise indicazioni cronologiche?

In ogni caso, al di là di specifiche indicazioni temporali o meno, è importante studiare teorie scientifiche,  essendo la psicologia una scienza, cioè basata sul metodo sperimentale.Affinché una teoria sia scientifica, è necessario che sia stata validata da esperimenti e per fare questo, occorrono anni. E non solo.

Quanti anni occorrono? Non si può dire, alcune teorie recenti non sono scientifiche, altre teorie meno recenti sono scientifiche e sta-validate. Prima di preoccuparsi del dato cronologico in sé, è opportuno valutare se una teoria sia scientifica o meno.

Posted in Preparazione Eds, Prima prova: Tema | Tagged | Leave a comment

Esame di Stato di Psicologia: utile o inutile?

Ecco un autorevole parere sull’Esame di Stato di Psicologia e sugli errori frequenti degli studenti nello svolgimento delle prove. E’ apparso su una rivista di Psicologia, non è recente, ma fa riflettere ed è ancora valido.

Clicca qui per scaricarlo dal sito dell’Odine degli Psicologi Emilia Romagna. Le osservazioni degli autori sono valide per tutte le sedi.

Posted in Preparazione Eds | Tagged | Leave a comment

Prove Esame di Stato Psicologia Padova: sono cambiate?

Esame di Stato Psicologia a Padova: sono cambiate le prove? In che senso? Non ci sono più il progetto e il caso clinico? Cerchiamo di comprendere la questione al di là di generalizzazioni pericolose o inutilmente ansiogene.

La commissione 2014 del’Esame di Stato di Psicologia a Padova ha scelto di richiedere i contenuti che generalmente si chiedono nella prova di progetto e del caso clinico sotto un’altra forma, diversa da quella “tradizionale” e tra l’altro semplificata rispetto a quella della maggior parte degli anni precedenti.

Non si è trattato del cassico progetto con i paragrafi da sviluppare o del classico caso clinico che iniziava con “Maria, 28 anni, non esce di casa…: fai un’ipotesi diagnostica”. Si trattava di prove discorsive, di focalizzazione di un contenuto teorico (un problema, una patologia, ecc), affiancato alla focalizzazione di un contenuto pratico (uno strumento, un intervento, ecc).

Una modalità di svolgimento delle prove dell’Esame di Stato tra l’altro molto meno rigida rispetto a una scaletta di punti da svolgere, molto più semplificata e anche meno a rischio di contestazioni.

I contenuti richiesti, alla fine, erano sempre i soliti, quelli che fanno parte di una classica preparazione per la prova di progetto e del caso clinico dell’Esame di Stato di Psicologia, cambiava soltanto la forma. Chi ha studiato rigidamente, rimanendo vincolato ad aspettative e a forme precostituite, non ha poi saputo esporre i contenuti sotto quella veste, ma erano gli stessi contenuti.

Il cambiamento della forma, nonostante non fosse cambiata la sostanza, ha destabilizzato molti, soprattutti quelli che hanno avuto un approccio contenutistico allo studio o vincolato a specifiche modalità di svolgimento, senza la dovuta flessibilità richiesta sia dall’Esame di Stato di Psicologia sia poi dallo svolgimento della professione di Psicologo

Cosa succederà nell’Esame di Stato di Psicologia a Padova nel 2015, così come in tutte le altre sedi? Ciascuna commissione farà come vuole e strutturerà le prove come vuole, poiché non c’è una regola specifica a cui i commissari devono attenersi.

Se si studia con il giusto approccio, e non come un esame universitario nozionistico, si riesce a svolgere il compito, a prescindere dalla struttura specifica e imprevedibile in cui verranno richiesti da una specifica commissione in una specifica sessione.

Nel 2015, come ogni anno, cambieranno tutte le commissioni di tutte le sedi e ciascuna commissione sceglierà come strutturare le prove: non si può prevedere, perché appunto in ogni sessione si regolano come preferiscono.

Ciò che è importante, dunque, è non rimanere prigionieri di uno schema di svolgimento, ma individuare alcuni contenuti-jolly e saperli adattare flessibilmente alle richieste della traccia, che possono sempre variare nella forma, nei modo più inaspettati.

Cmq, per Padova, per gli studenti che possedevano il Kit 110eLode per l’Esame di Stato di Psicologia 2014, è stata organizzata una videolezione apposita, senza costi aggiuntivi.

Il  kit non è costituito solo da manuali che vengono consegnati e poi lo studente se la vede da solo, magari annaspando tra gruppi facebook e forum. Si tratta di un pacchetto consulenziale, che prevede sia i manuali, che materiali aggiuntivi, che iniziative gratuite e riservate di sostegno e di aggiornamento.

Suggerisco cmq di non fossilizzarsi su strutture precostituite: nessuno potrà sapere cosa decideranno a Giugno 2015, in nessuna sede e neanche se lo comunicano, si può stare tranquilli di trovarsi di fronte a una specifica forma di svolgimento.

Posted in Preparazione Esame di Stato Psicologia | Tagged | Leave a comment