Seleziona una pagina

A volte le commissioni, al tema dell’Esame di Stato di Psicologia, chiedono teorie “recenti”. Cosa intendono?


Ricordo che la prima volta che uscì questa richiesta in una traccia di tema, sembrava di giocare al Superenalotto: tutti davano i numeri.

Nei gruppi si diceva che dovevano considerarsi “recenti” le teorie di X anni fa. Nei corsi di preparazione per l’Esame di Stato di Psicologia dell’ultim’ora si diceva, invece, che dovevano intendersi teorie di Y anni fa. Ognuno sparava una cifra. 

Purtroppo, nessuno può dire che le teorie recenti sono quelle di X anni fa o di Y anni fa.  Ogni commissione intende a modo suo l’espressione “teorie recenti”. 

Ciò che è “recente” per una commissione, non lo è per un’altra.  Non ci sono regole universali. Tutto dipende da quello che intende una specifica commissione in una specifica sessione di Esame di Stato di Psicologia in una specifica sede.

A volte, le commissioni specificano cosa intendono per teorie “recenti”. Infatti, ogni commissione può riferirsi a un particolare intervallo temporale, valido solo per quei commissari.

Altre non lo specificano. In tal caso non si può prevedere in anticipo, perché nessuno può stare nella testa dei commissari.

Altre volte ancora, alcune commissioni riciclano tracce fatte da altre commissioni, senza fare troppo caso ai singoli termini usati.

Magari la commissione che aveva elaborato la traccia, aveva in mente un significato. Invece, la commissione che “ricicla” quella traccia, ne ha in mente un altro.

D’altronde, in italiano, l’aggettivo “recente” non fa riferimento a nessun preciso e univoco intervallo temporale.

Detto questo, secondo me, in base all’esperienza didattica di ormai molti anni (quasi 20), la richiesta di teorie recenti non è solo una richiesta “cronologica”, ma nasconde altri problemi.

Non è per fare dietrologia, ma perché in fondo ogni messaggio veicola anche un meta-messaggio, come insegnano gli esponenti della scuola di Palo Alto, che di comunicazione ne sanno qualcosa.

Qui ho scritto qual è, secondo me, il meta-messaggio implicito nella richiesta di “teorie recenti” all’Esame di Stato di Psicologia. 

Altri suggerimenti per l'EdS:

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Ho realizzato il 1° Kit di Preparazione per l'Esame di Stato, con cui ho aiutato ormai 10 generazioni di psicologi ad abilitarsi. Se serve aiuto, scrivimi a tutor@110elode.net