Seleziona una pagina

Nella terza prova, non si tratta di fare diagnosi, riconducendo i sintomi a categorie psichiatriche certe.


Sarebbe azzardato sparare una diagnosi basandosi su una ventina scarsa di righe di testo.

Tra l’altro, se si scrivono solo commenti psichiatrici, i commissari possono contestare che hai dato un taglio troppo psichiatrico alla prova.

Oppure, possono contestare che sei stato precipitoso nel trarre conclusioni diagnostiche.

Infatti, la terza prova non è un quiz, ma è una prova di ragionamento clinico.


D’altronde, lo psicologo non fa quiz, ma di fronte a una persona che sta male, ci ragiona. Non applica in modo rigido griglie prefissate.

Qui ho spiegato come preparartifreccia

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Scrivimi a tutor@110elode.net