Seleziona una pagina

Perché le api fanno le celle esagonali? La scienza dice che è la struttura più semplice, quella che consente di ridurre sforzo e materiale.


Infatti, il lato di ogni cella è contemporaneamente lato di un’altra, così da risparmiare cera, e lo spazio è tutto interamente occupato (invece con i cerchi sarebbero rimasti spazi vuoti tra un cerchio e un altro).

In più, seguire quel perimetro esagonale, minimizza e ottimizza i movimenti e quindi le energie.

Le api non hanno studiato fisica o ingegneria meccanica, nessun guru gli ha insegnato questa strategia e non l’hanno appresa in un corso di preparazione per la costruzione di favi.

Privilegiare la configurazione più semplice è innato in tutte le specie, anche nell’uomo (anche a livello cognitivo, come dice la Ross).

Perché all’Esame di Stato di Psicologia si va contro questa tendenza naturale e questa intelligenza filogenetica? Si cercano interpretazioni complicate, si ipotizzano significati tortuosi e si fa dietrologia dietro ogni virgola della traccia.

Meglio privilegiare la configurazione più semplice. Lo insegnano le api e la natura.

Se i significati di una traccia risultano troppo complicati, probabilmente sono sbagliati, proprio perché troppo complicati.

I prof non si sognano assolutamente tutte le complicate interpretazioni attribuite dagli studenti e anche loro funzionano con il minimo dell’energia.

Tra l’altro il compito dello psicologo è anche semplificare e sbrogliare.

Spesso ci si imbatte in una rappresentazione dello psico come di un dottore che sbroglia matasse, prende un filo e aiuta a creare un gomitolo ordinato e pulito.


Questa è un’opportunità per sviluppare e potenziare questa abilità!

The following two tabs change content below.