La comprensione è la cenerentola dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento: è spesso l’aspetto meno considerato.


Molti operatori si preoccupano della correttezza e velocità della lettura, sia in fase diagnostica che di riabilitazione.

Non a caso la riabilitazione in Italia spesso punta a migliorare parametri numerici come velocità e correttezza.

Se migliorano questi parametri, sono tutti contenti: genitori, insegnanti, ecc.

Ma se il bambino legge bene e speditamente, ma non capisce quello che sta leggendo, non basta.

Nel DSM-5 il disturbo della comprensione non viene considerato come disturbo a se stante, ma come possibile sintomo del “Disturbo Specifico dell’Apprendimento” (che è scritto così, al singolare).

Il DSM-5 dice che, una volta fatta la diagnosi di DSA, si può specificare: con compromissione della lettura o dell’espressione scritta o del calcolo e se è di intensità live, moderata o grave.

Il disturbo della comprensione, nelle diagnosi del servizio pubblico (ASL, ecc) viene identificato con un codice che inizia con F81.

Questo codice non riguarda il DSM-5 bensì l’ICD-10, un altro manuale diagnostico che nelle asl viene usato come riferimento per le diagnosi di DSA.

Nell’ICD-10 cambia il nome: “F81 – Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche” e poi ci sono i sotto-codici per lettura, compitazione (cioè scrittura) ecc., ma neanche lì c’è il “disturbo della comprensione”.

Tuttavia, gli esperti internazionali della Consensus Conference hanno detto che occorre valutare e considerare anche la comprensione, perché può risultare compromessa.

Quindi la valutazione della comprensione è importante per una valutazione dimensionale, cioè qualitativa, più che soltanto categoriale, cioè basata sull’applicazione delle categorie dei manuali psichiatrici.

Spesso si pensa che leggendo correttamente e velocemente, allora anche la comprensione migliora, invece non è assolutamente detto che sia così, anzi…


La lettura è un mezzo, non un fine.

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor per studenti lavoratori di Psicologia e TFA. Scrivimi a tutor@110elode.net per aiuto tesi.