Seleziona una pagina

1) L’omologazione: compiti tutti uguali

Dopo che ho inventato il 1° kit per l’Esame di Stato di Psicologia, sono nate tante imitazioni che hanno creato omologazione. Tanti corsi per l’Esame di Stato di Psicologia hanno rilanciato contenuti e strategie del kit e creando così compiti standardizzati, tutti uguali.

Per superare l’esame, occorre differenziarsi. Il che non significa rincorrere un nuovo autore, una nuova teoria o una nuova nozione che neanche i prof conoscono, ma dare un taglio pratico alla prova, differenziarti per il modo ragionato con cui la svolgi. Non è solo il “cosa” a salvarti dall’omologazione, ma soprattutto il “come”. 

2) Materiali “patchwork” per l’Esame di Stato di Psicologia

Dopo il kit 110eLode, ormai proliferano i kit, che diventano patchwork di contenuti presi da tante fonti, con strutture rigide, come se ci fossero modalità standard di fare le prove d’esame. Occorre flessibilità nei contenuti e nelle modalità di svolgimento.

3) Lo studio nozionistico-ossessivo per l’Esame di Stato di Psicologia

Ormai per l’Esame di Stato di Psicologia ci sono fin troppi contenuti gratis. Si rincorre l’ultimo autore, l’ultimo dettaglio, l’ultimo puntiglio che spesso neanche i prof conoscono, rendendo lo studio stressante e ansiogeno. La preparazione dell’Esame di Stato è un momento di crescita personale e di avvio alla professione, non un affastellamento di dati.

frecciaQui ho spiegato come prepararti flessibilmente

Altri suggerimenti per l'EdS:

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Scrivimi a tutor@110elode.net