Seleziona una pagina

Spesso capita nel progetto di dimenticare…il titolo!


Se dimentichi il titolo nella prova di progetto dell’esame di Stato di Psicologia, è come parlare con una persona, senza sapere il suo nome.

Qualcuno preferisci scriverlo alla fine, l’importante comunque è non dimenticarlo.

Ho indicato tre principali modi per scrivere un titolo, di cui uno sconsigliato, uno accettabile, uno molto consigliato.

Sono descritti nel kit per l’Esame di Stato di Psicologia.

Se non ti viene in mente nulla o il tempo della prova è troppo poco, come spesso succede, può andar bene anche mettere una dicitura tecnica e generale. Questo è il primo modo per scrivere il titolo di un progetto. 

Ad esempio: Progetto di Prevenzione dei Disturbi dell’Apprendimento, Progetto di Sostegno alla Genitorialità, Progetto di Promozione del Benessere nella Donna, ecc.

Si tratta di titoli molto freddi e schematici, ricavati direttamente dalla traccia, ma molti prof li apprezzano proprio per la loro semplicità.

Altrimenti puoi optare per titoli più “creativi”, purché non bizzarri, enigmatici o stravaganti, perché molti prof non li apprezzano. Questo è il secondo modo per scrivere il titolo di un progetto: è un modo intermedio, né troppo tecnico, né troppo creativo.

Il terzo modo di scrivere un titolo è quello super-creativo: i prof potrebbero non capire subito la creatività. E’ pur sempre un progetto, cioè un lavoro scientifico, e il titolo non deve suonare come uno slogan pubblicitario. Quindi questo è un modo sconsigliabile.


Non sempre il titolo è esplicitamente richiesto dalla traccia di progetto, ma può essere opportuno scriverlo.

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Scrivimi a tutor@110elode.net