Seleziona una pagina

Le giornate di orientamento non dovrebbero trasformarsi in una “fiera” dove i venditori espongono la loro merce nelle bancarelle o regalano gadget per creare appartenenza e identità, come spesso succede, ma essere un momento di educazione alla scelta. L’intervento di apertura del prof Lucisano rispecchia questo significato. 


 
Durante la giornata di orientamento alla Sapienza 2019, prima di presentare i 3 corsi di laurea triennale in psicologia, è intervenuto Pietro Lucisano, delegato all’orientamento e laureato in filosofia: ha fatto un’introduzione bellissima e profonda.
 
E’ vero che la preoccupazione (legittima) adesso è il test, l’attenzione è tutta come fare le matrici, ecc., ma c’è un passo prima che è ancora più importante e profondo, ed è il senso di questa scelta. 
 
Tra le varie cose, il prof Lucisano ha detto ha detto che “non ci stiamo iscrivendo all’università, ma stiamo entrando in una comunità scientifica”. Iscriversi all’università è un atto burocratico: basta pagare una retta. Ma dietro questa formalità, c’è un mondo: significa decidere cosa fare della propria vita nei prossimi 3/5 anni, e oltre.
 
Decidere di dedicare a questo percorso le risorse più preziose, come il proprio tempo, le proprie energie, e gli anni di grande vitalità della propria giovinezza (nel caso dei neodiplomati), in cui si sta completando lo sviluppo del cervello e strutturando la personalità.
 
Questo implica grande fiducia anche verso quella università, perché quel mondo e quegli insegnamenti, anche se i contenuti probabilmente si dimenticheranno, lasceranno cmq un’impronta, diventeranno una base e plasmeranno il modo di pensare e di essere.
 
Entrare in una comunità scientifica è anche una responsabilità: significa che si diventa “costruttori di conoscenza”, dice il prof. Gran parte della conoscenza verrà trasmessa, chi la riceve è chiamato a rielaborarla, con un atteggiamento scientifico, per poi utilizzarla concretamente, incidendo anche sul futuro della società.
 
Tutto questo richiede grande riflessione su attitudini, obiettivi professionali, interessi (altro punto su cui il prof si è soffermato). E’ stato un bell’inizio, forse molto più profondo della spiegazione delle matrici, per quanto ora sia importante anche quella. L’intervento di orientamento è qui: 
 
The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Scrivimi a tutor@110elode.net