Seleziona una pagina

Bisogna portarla? Bisogna farla firmare dal tutor di tirocinio? Ecco una risposta a queste domande.


Da moltissimi anni, nessuna commissione ha più chiesto di visionare la relazione di tirocinio. Quasi nessuna segreteria la chiede più. Se viene chiesta, molto difficilmente viene letta.

Però, per prudenza, è meglio scriverla e possibilmente farla firmare dal tutor.

Non si sa mai, metti che proprio quella mattina in cui tu fai l’orale, i prof si svegliano e la pretendono? E’ poco probabile, ma se dovesse succedere, meglio essere pronti e portarla stampata con sé. Tanto è breve, bastano anche una o due paginette, giusto per prudenza.

Nel kit per l’Esame di Stato di Psicologia, è incluso un file in Word con uno schema da seguire.

Non esiste uno schema universale, ma quello caricato è molto diffuso, proposto dalla Sapienza e adottato dalle altre università.

In ogni caso di tratta di una relazione di una o due pagine, quindi molto sintetica e pratica, che ti sarà utile per impostare il racconto del tuo tirocinio, dato che generalmente è la cosa che viene chiesta più spesso alla prova orale.


Se non hai idea di cosa metterci, sempre nel kit ho caricato una relazione già svolta, per prendere ispirazione.

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Scrivimi a tutor@110elode.net