Seleziona una pagina

Gli articoli di ricerca, da usare per le tesi di laurea in psicologia, non vanno tradotti letteralmente, ma elaborati. Ecco come. 


Non basta trasformare il testo dall’inglese all’italiano, né con i traduttori automatici, né attraverso il lavoro di un traduttore “umano”.

Serve profonda riflessione sul contenuto, che richiede l’attivazione di conoscenze psicologiche, altrimenti anche se la traduzione è corretta, il contenuto non è chiaro e il relatore chiederà di riformularlo.

Nel passaggio dall’inglese all’italiano, ci possono stare sottintesi da esplicitare. Può essere necessario accompagnare il contenuto con altre spiegazioni.

Bisogna fare finta che il lettore non sappia nulla di quella ricerca, quindi per capirla ha bisogno di molte informazioni, anche quelle che daresti per scontate. Non conviene dare nulla per scontato.

D’altronde i relatori non possono conoscere tutte le ricerche esistenti, quindi è possibile che, quando riporti una ricerca nella tua tesi, è la prima volta che la leggono.

Per capirla, hanno bisogno che venga descritta con completezza e chiarezza, ma nello stesso tempo con la giusta sintesi, altrimenti possono giudicare il paragrafo come troppo prolisso.

Alcune ricerche, tuttavia, per il tuo relatore possono essere importanti e quindi va bene descriverle in modo più lungo e dettagliato. Altre, in modo più sintetico.

Per capire quanto spazio dare a ciascuna ricerca, è bene comunicare con assertività con il relatore.

Il che significa sia evitare di disturbarlo continuamente per ogni minuzia, per dimostrare di saper lavorare in autonomia, ma al contempo non essere terrorizzato dalla sua figura o inibito nel chiedere un’indicazione in caso di difficoltà.

Infine, alcuni termini non possono essere tradotti letteralmente. Ad esempio, “inconsciamente” rinvia al modello psicodinamico e non è appropriato nella descrizione di una ricerca: in italiano è preferibile “inconsapevolmente”. A meno che uno non stia facendo uno studio psicodinamico.

Questo è un esempio per dire: il lavoro sugli articoli di ricerca per le tesi in psicologia va ben oltre la “semplice” traduzione, anche corretta o fatta da un traduttore professionista. 


Se ti serve aiuto per una tesi in psicologia, contattami qui. 

 

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Scrivimi a tutor@110elode.net