Seleziona una pagina

Perché la facoltà non ha specificato cosa studiare di inglese e biologia?


Il test di ammissione non è un’interrogazione scolastica

La scuola è finita :). A scuola si studiava secondo rigidi programmi, perché il professore diceva di fare da pagina 10 a pagina 20, saltando la tabella a pagina 16 e chiarendo quindi, cosa studiare in base ai suoi gusti.

Il test di ammissione è diverso da un’interrogazione scolastica. La facoltà non è tenuta a specificare un “programma”, per nessuna materia presente nel test.

Perché non c’è un programma di biologia

Anche nel 2016 e nel 2017, quando al test di ammissione in Psicologia è stata aggiunta biologia, la facoltà non ha specificato un vero e proprio programma per filo e per segno.

Ha solo indicato orientativamente gli argomenti, per fornire un’indicazioni di massima. Non era un vero e proprio “programma” dettagliato. I compilatori del test poi sono liberi di spaziare e di decidere il grado di approfondimento delle domande da formulare.

Non possono rimanere imprigionati in un programma prestabilito rigidamente. Altrimenti la prova perde di efficacia e diventa ridicola.

Si trattava di biologia molecolare, cioè la biologia che si studia al liceo, quando si studia biologia per il 1° anno. In alcune scuole, si fa biologia al 3° anno e si inizia con biologia molecolare.

In altre si fa dal 1° anno e anche in quel caso si inizia con biologia molecolare. Quindi, si trattava delle basi di biologia, che si apprendono a scuola quando si inizia a studiare biologia.

Le domande del 2016 e 2017 sono state puntigliose, ma d’altronde non c’è un parametro per cui avrebbero potuto specificare il grado di approfondimento richiesto dal test. Infatti, molti, vedendo che il programma era generico, hanno studiato in modo superficiale.

Se ci sono degli argomenti da studiare, anche se indicati nelle loro linee generali, vanno comunque studiati più approfonditamente possibile, anche perché la concorrenza è tanta e agguerrita.

Nel 2018, la struttura delle domande è diventata simile a quella di comprensione del testo. Quindi non sono richieste conoscenze preliminari. Quindi i compilatori potrebbero spaziare anche oltre biologia molecolare.

Se si conoscono le basi della biologia ,ci si trova meglio, sia a rispondere alle domande di biologia molecolare che, nell’eventualità, anche di quelle di altre branche più specifiche e avanzate. La familiarità con i termini di base, velocizza la risposta quando la domanda è di comprensione del testo.

Poi se vorranno, potranno dare indicazioni in più, ma non è un loro dovere. Purtroppo l’università non è come una mamma buona che coccola, ma come un padre anaffettivo che esige autonomia.

Perché non c’è un programma di inglese

Stessi presupposti. Per qualsiasi domanda di inglese, sia quelle di grammatica che di comprensione del testo, sono sicuramente richieste sia basi grammaticali che di vocabolario.

Sarebbe difficile per un compilatore fare un elenco delle regole e delle strutture da sapere. Dovrebbe poi calcolare troppe cose mentre formula una domanda. In una stessa frase ci possono stare regole, ma anche eccezioni.

Il programma di inglese non c’è mai stato finora. Non è escluso che mettano tanto zucchero nel caffè, fino ad addolcirsi e venire incontro così tanto ai candidati, ma meglio non sperarci, perché non sono tenuti.

E migliorare il più possibile, partendo dalle basi e andando più avanti possibile…sarà un investimento non solo per il test, ma anche per l’università e il futuro lavorativo ;)!

 

Altri suggerimenti per l'EdS:

The following two tabs change content below.
Sono Stella Di Giorgio, psicologa e tutor. Ho realizzato il 1° Kit di Preparazione per l'Esame di Stato, con cui ho aiutato ormai 10 generazioni di psicologi ad abilitarsi. Se serve aiuto, scrivimi a tutor@110elode.net